Warning: Declaration of c2c_ConfigureSMTP::options_page_description() should be compatible with C2C_Plugin_023::options_page_description($localized_heading_text = '') in /web/htdocs/www.nitobe.it/home/wp-content/plugins/configure-smtp/configure-smtp.php on line 47
DISCRIMINAZIONE INDUSTRIALE FONDATA SULLA LINGUA » Associazione Nitobe per la Giustizia e Democrazia Linguistica

DISCRIMINAZIONE INDUSTRIALE FONDATA SULLA LINGUA

L’UE PRESENTA UNA PROPOSTA DI REGIME LINGUISTICO PER IL BREVETTO EUROPEO UNICO CHE NON RISOLVE IL PROBLEMA

Il Commissario per il mercato interno e i servizi dell’Unione europea, Michel Barnier, ha pubblicato oggi su La Stampa un lungo editoriale in cui cerca di convincere gli italiani della bontà e della ragionevolezze de brevetto unico europeo in tre lingue. Bernier scrive che “La decisione di lavorare sulla base di tre lingue risponde unicamente a criteri di ordine economico e amministrativo” e che “la protezione unitaria dei brevetti non introduce alcuna discriminazione”.

Non è affatto così. Il trilinguismo non corrisponde affatto a un criterio economico o amministrativo, ma agli interessi dei paesi dove si parlano quelle lingue. L’ufficio europeo dei Marchi e Disegni Industriali di Alicante lavora in cinque lingue (compresi lo spagnolo e l’italiano) e questo non ha causato problemi di natura economica o amministrativa. La presunta “economicità” del brevetto trilingue è quindi un bluff.

Il regime trilingue è discriminatorio. L’ottenimento di un brevetto in francese, tedesco e inglese costerebbe in media almeno il 28% in più a una piccola o media impresa italiana rispetto a una sua concorrete austriaca, irlandese o francese. Le imprese italiane potranno sì presentare domanda di brevetto in italiano, ma dovranno presentare subito una traduzione in una delle tre lingue ufficiali. La traduzione automatica dei brevetti, affidata a Google, non è certo la soluzione perché ancora imperfetta e sprovvista di ogni valore legale.

Barnier abbandoni una proposta di regime linguistico screditata e discriminatoria, e si impegni a cercare una soluzione più equa e rispettosa della diversità linguistica. La compensazione delle spese di traduzione di cui scrive Barnier è parziale e non risolve il problema, perché il rimborso dovrebbe essere finanziato con specifici da contributi versati dagli stati le cui lingue sono privilegiate e non da tutti. La discriminazione, quindi, resta. Barnier pensi invece a un sistema di rotazione linguistico e/o l’utilizzo tecnico di una lingua neutra e non ufficiale come lingua ponte per le traduzioni.

Michele Menciassi
Segretario Associazione Nitobe
per la giustizia e democrazia linguistica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *