Il Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività 2007-2013 discrimina i docenti italofoni

I progetti finanziati dal Programma Operativo Nazionale “Ricerca e Competitività 2007-2013”, cui contribuisce anche l’Unione europea, hanno come finalità la promozione dello sviluppo delle regioni del Meridione. Il potenziamento dell’insegnamento delle lingue straniere è una delle misure più diffuse fra gli istituti scolastici. Molti istituti però stanno utilizzando i fondi per assumere solo ed esclusivamente docenti madrelingua (per lo più madrelingua inglese).

L’Associazione Nitobe condanna una politica linguistica discriminatoria che va a danno del personale italofono preparato e qualificato dalle strutture nazionali o estere. Una cosa diversa sarebbe richiedere di essere madrelingua o alternativamente di avere una conoscenza della lingua straniera a livello C1, oltre alle competenze pedagogiche necessarie. Premiare i madrelingua in quanto tali, invece, discrimina chi ha un attributo linguistico diverso dalla nascita perché non è messo nelle condizioni di competere ad armi pari con i concorrenti, nemmeno se in possesso dei migliori certificati. Il mercato del lavoro europeo è aperto e tutti possono ambire ai posti di lavoro pubblici anche all’estero. Ma non è ammissibile che uno stato accetti che si discrimini contro i suoi stessi cittadini richiedendo loro di essere madrelingua straniera.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>